Skip to content

Parla inglese male… ma subito

Quale risultato puoi ottenere con il Metodo di Inglese per Negati?
Che parlerai l’inglese MALE.
Però… subito.

Anche se non lo hai mai studiato o se normalmente non riesci a mettere in fila due parole, grazie al processo di riscrittura del tuo paradigma, sarai a un livello superiore al 75% degli italiani.
Solo che non ci impiegherai 5 anni (se va bene) come nella scuola italiana. Bensì un paio di settimane.

A te serve diventare madrelingua… oppure vuoi finalmente iniziare a parlare e a comprendere questa lingua?


Ecco alcuni risultati di chi ha già affrontato lo stesso percorso che stai per intraprendere anche tu.


In due settimane Piero ha raggiunto lo stesso livello che uno studente delle superiori ottiene in 5 anni sui libri (se si impegna). Ora che ha “iniziato a parlare”, la maggior parte del lavoro è fatta: migliorare sarà una inevitabile conseguenza.

Obiettivo in tempo record.

La cosa più bella è che mi avete sbloccato il cervello. Per me è sempre stato impensabile poter capire qualcuno che parla in inglese. Adesso per me non c’è quasi differenza tra italiano e inglese nella comprensione.

Ines

Angelo ha sconfitto l’imbarazzo di parlare in inglese tramite gli allenamenti mirati assieme alla sua Coach Hela.

Inoltre ha un piccolo suggerimento per te… ;)

Se penso a come ho sofferto a scuola per anni… Grazie davvero per aver reso questa cosa così semplice. Lo consiglierò a tutti, promesso ;)

Leila

Non so quanti corsi di inglese abbia fatto nella mia vita, quanti soldi, energie e tempo abbia investito inutilmente in corsi che proponevano “strategie magiche” per l’apprendimento. Con Inglese per Negati, per la prima volta sono riuscito a trovare qualcosa di realmente innovativo.

Emanuele

Mi trovo assolutamente d’accordo con il vostro metodo: è tutta una questione di testa. Basta superare un blocco, come dite giustamente voi, e poi tutto avviene in fretta e senza alcuna fatica. Ottimo percorso.

Angela

Ho seguito la lezione prendendo anche appunti. L’ho fatta due volte… e alla seconda volta mi sono resa conto che riuscivo a rispondere effettivamente a tutte le domande senza nemmeno guardare più il quaderno.
[…] Una felicità incredibile!

Tiziana

Faccio i complimenti per il sistema innovativo di insegnamento della lingua inglese. Concreto e facile da seguire.

Paolo

Ho capito una cosa importante, come è stato detto nella parte iniziale del percorso: trovo veramente interessante il fatto che noi dobbiamo tornare un po’ ragazzi, iniziamo a parlare… e piano piano il resto viene da solo.

Dante

Ti ringrazio molto Hela per la pazienza che ogni volta hai con me. Sto imparando davvero tanto.

Alejandro

Adesso capisco perfettamente un discorso senza sottotitoli nei film. Incredibile come sia tutto un lavoro mentale, proprio come spiegato in dettaglio. Nei corsi precedenti che ho seguito e anche a scuola, questo aspetto viene completamente ignorato.

Danila

Ho sempre visto l’inglese come qualcosa di impossibile. Da quando mi avete fatto capire che non è affatto così, mi sembra di migliorare tantissimo giorno dopo giorno. Ho ottenuto più in due mesi con voi che in 8 anni a scuola. Speriamo di continuare così!

sara inglese per negati opinioni

Sara

Ecco come Mauro ha superato il livello di uno studente medio italiano delle superiori. In 13 anni di lezioni? No: durante il primo mese in Inglese per Negati.

Ti ringrazio molto Hela per la pazienza che ogni volta hai con me. Sto imparando davvero tanto.

Alejandro

Siete riusciti a togliermi di dosso il terrore con una prima fase di “pulizia mentale”. Sono ripartito da zero, dopodiché ho iniziato a imparare l’inglese… senza rendermi conto di farlo!

Alessandro
La sicurezza con cui Barbara dialoga in inglese dopo due settimane e mezza è a dir poco incredibile. Ha un sicurezza e un livello che le permettono di farsi capire e di capire chiunque nel mondo. Davvero complimenti. La domanda ora è: se questi sono i risultati che ha ottenuto in 17 giorni, fin dove può arrivare?
Dopo le istruzioni su come combattere la vocina nella mente “l’inglese è difficile” e alcuni consigli su come comporre le frasi, Marco non fa nemmeno più caso al fatto che le conversazioni avvengono completamente in inglese, riuscendo a capire tutto ciò che viene detto.
Ormai Paolo le considerazioni sul Percorso le fa direttamente in inglese… e andiamo!
Adesso vedo l’apprendimento dell’inglese come una cosa semplice e naturale. Ora è assolutamente alla mia portata.

Michela